Aermacchi MB 339 A Nat Al Fursan da kit Frems scala 1/48

Spesso di passaggio qui a Galatina vi presentiamo il modello del cavallo di razza cavalcato dagli Al Fursan, la pattuglia acrobatica delgli Emirati Arabi Uniti ricavato dal kit Frems in scala 1/48 dell'MB 339 Pan.

Modello, testo e foto di Silvio Pietropaolo

Affascinato da sempre dalle variopinte colorazioni dei velivoli special colors e dalle altrettanto variopinte colorazioni delle pattuglie acrobatiche, piano piano ho in programma la realizzazione di un velivolo per ogni pattuglia acrobatica. Dopo aver realizzato il 339 Pan Special 55, l'Hawk delle Red Arrows e lo Gnat dei Jellowjacks, mi sono detto e se facessimo il purosangue dei Cavalieri Arabi, dato che ancora non lo ha fatto nessuno in scala 1/48? Detto fatto!

Allora cosa serve? Foto di riferimento?

Ne abbiamo, questa pattuglia di ritorno dalle sue esibizioni in europa fa sempre scalo tecnico a Galatina, per salutare qualche vecchio amico, per dar da bere ai purosanque arabi o semplicemente per riassaggiare un buon piatto di pastasciutta.

Colori fuori ordinanza?

Ne abbiamo, i migliori naturalmente Kcolors.

Allora serviranno delle decals?

Anche quelle non mancano, di DM Special colors che, come vedremo, sono un'ottima base di partenza.

Anche il kit c'è, il sicuro, tranquillo ed immancabile kit Frems scala 1/48 dell'Aermacchi MB 339 A PAN Frecce Tricolori, che con l'aggiunta di due seggiolini in resina Pavla riproduce egregiamente il nostro Macchino. Per cui come avvenuto per i velivoli reali, già nostri 339Pan rilevati dagli Emirati Arabi per formare la propria pattuglia, partendo dal modello del nostro 339 Pan realizzeremo il 339 NAT degli Al Fursan.

Il montaggio del kit Frems fila via tranquillo e quasi senza stucco con la sola attenzione di non dimenticarsi di piombare il modello. Il montaggio comincia dagl'interni dove i dettagli sono stati dipinti a pennello con colori acrilici Lifecolor ed Italeri Acryl con cui è stato dipinto e lumeggiato anche l'aerofreno.

Parte importante della costruzione di questo modello è la riproduzione della particolare elegante colorazione in nero lucido e due toni di oro metallizzato e con sotto i colori degli Emirati. Data l'incognita della riuscita di tale fase, ho preferito fare delle prove su alcune parti piccole del velivolo come i piani di coda ed i serbatoi fumogeni.

La Kcolors è stata una delle prime ditte a mettere a punto primer all'acqua in vari colori per uso modellistico, per altro la qualità di finitura di questi primer mi ha permesso di usarli come colori come avvenuto per il nero della colorazione. Per cui dopo aver dato il primer nero ho mascherato e dato l'oro della colorazione, poi rifinendo il tutto col trasparente lucido XW 100 sempre all'acqua con il risultato che si vede nella foto sotto sui serbatoi. 

A questo punto ho voluto provare le decals sui piani di coda. Le decals della DM Special Colors offrono il tricolore della parte inferiore delle ali e l'intera parte nera della colorazione inclusiva delle parti in oro chiaro che però sono stampate in un'improbabile giallino pallido. Le decals sono sottili ma non perfettamente coprenti per cui aderiscono bene ma anche il nero è poco coprente ed una volta messo sull'oro vira in un bel colore Coca Cola metallizato ma poco rispondente al nero della colorazione. Per questo motivo Prima di mettere le decals l'intero velivolo, o quasi, va dipinto in oro. Nella sequenza sotto si vedono le fasi di lavorazione fino ad ottenere la colorazione definitiva.

Le parti dipinte in primer nero sotto ed oro sopra con il trasparente lucido XW 100 e pronte per ricevere le decala sulla parte dorata.

Messa la decal sul fondo dorato lo stesso traspare ed il nero diventa color Cola, anche il triangolo giallo pallido va ridipinto in oro chiaro.

I piani di coda dopo aver ridipinto le parti nere col primer nero e le parti gialline con oro chiaro, ora manca soltanto il coating trasparente lucido XW100.

Tale procedura andrà ripetuta su ali, deriva e su tutta la fusoliera cercando di preservare la scritta Al Fursan ed il numero individuale. Ho deciso di ridipingere anche la bandiera degli Emirati sotto le ali anzichè utilizzare la decal.

I colori Kcolors sono molto efficienti a copertura, non è necessario diluirli e permettono di ottenere linee nette e precise mascherati col nastro Tamiya. In questa fase è stato dato il Primer Bianco WB Kcolors come fondo e poi il verde wb colore, il nero sempre primer  ed il rosso colore nella parte anteriore.

A questo punto dopo una mano di trasparente lucido di protezione ho provveduto a mascherare il sotto delle ali, ma prima vanno montati i trasparenti dopo aver eliminato la fastidiosa linea di giunzione longitudinale dello stampo presente sopra. Per fare ciò ho usato delle limette grana 1000 e 2000 realizzate dall'amico Marco Rondinelli e poi ho provato i quattro compound Kcolors con lo sconvolgente effetto delle foto sotto.

Con il solo Compound 2 il risultato è quello che si vede sotto senza neanche l'uso di trasparente lucido o Future.

e questo il risultato sul modello con trasparente in perfetto stato.

Quindi possiamo mascherare il canopy con il nastro tamiya e dare il primer grigio sempre Kcolors.

A questo punto il passo successivo è strabiliante, vedere un 339 interemante color oro fa un certo effetto anche per me che da tre anni a questa parte da quando uso i colori Kcolors ne ho viste e fatte di tutti i colori.

La parte inferiore ha quasi un aspetto definitivo dato che la pancia del velivolo rimarrà dorata.

Per la colorazione in fusoliera le decals offrono l'intera parte nera intorno alla cuspide dorata. Inutile dire che ricoprire l'intera fusoliera di un 339 con una decal non è una cosa fattibile neanche con il mioglior liquido per decals per cui i disegni stampati sono serviti come riferimento per mascherare le parti da lasciare color oro e dipingere in nero il resto. Comunque la fusoliera va dipinta dopo aver posato le decals della deriva e delle ali e ridipinto la colorazione anche sopra quelle. Partiamo con le ali.

Come si vede la decal del dorso alare una volta poggiata con i liquidi micro set e micro sol aderisce molto bene perche estremamente sottile, ma proprio per questo motivo è poco coprente quindi il nero diventa marrone scuro a causa della riflettenza del colore oro. Anche il giallino degli incroci è cromaticamente molto lontano dall'oro chiaro della colorazione. Per questo motivo ho protetto la decal con uno strato di trasparente lucido XW 100 Kcolors per poter mascherare sopra col nastro tamiya e poi ridipingere sia le aree nere che quelle in oro chiaro.

Notare la differenza tra l'ala di destra col nero ridipinto e quella di sx color cola.

Nella fusoliera ho provveduto a mettere la decal sulla deriva con le cuspidi e quella con la scritta Al Fursan, mentre sul cono di coda ho messo parte della decal di fusoliera col numero di matricola ed il numero individuale, oltre che la parte nera nelle pinne stabilizzatrici. Il resto della fusoliera è stato perimetrato col nastro Tamiya gommato bianco per mascherare la parte da lasciare color oro.

Le parti con le scritte ed i numeri sono state mascherate con piccoli salsicciotti di UHU Tac Patafix per preservare i caratteri per poi dipingere le aree laterali e dorso fusoliera. Anche il muso è stato mascherato con nastro Tamiya gommato bianco e giallo di carta.

Una volta dipinto il nero in fusoliera con un pennellino ed il primer nero ho rifinito le areee intorno ai caratteri e numeri delle scritte.

Per variare un pò il lavoro ho cominciato a mascherare per dare l'oro chiaro sulle ali mentre è ancora da mascherare e dipingere la decal della deriva.

Prima è stato mascherato il nero sulla deriva. Notare il ritocco a pennello intorno al n°5 che una volta passato il trasparente lucido diverrà uniforme al resto.

Intanto abbiamo iniziato a dare l'oro chiaro sulle ali notare l'ala in basso con i colori già ridipinti mentre quella sopra ancora no.

Anche sulla deriva sono state mascherate le cuspidi per cancellare con l'oro chiaro il giallino delle decals per ottenere la colorazione corretta.

Non tutti sanno che questi velivoli, interamente lucidi e scintillanti, come tutti i velivoli hanno il classico pannello antiriflesso, del resto ben visibile nell'immagine esclusiva ad inizio articolo, per cui altra mascheratura ed XW 1 Kcolors opaco a zero riflesso.

I velivoli degli Al Fursan sono degli ex PAN modello A ma alcuni sono leggermente diversi dato che portano una sonda anemometrica (un pitot) alla sommità della deriva ed altre piccole differenze minori. Corrispondono alla versione A, non MLU. Il pitot è stato visto sui velivoli #3, #5 e #7. Dietro verfica diretta a Galatina abbiamo scelto il #5 per il nostro modello ed il pitot è stato fatto con un pezzetto di filo telefonico.

Una parte che necessita di cura particolare ed un minimo di perizia con pennellino fine e mano ferma, pur se con l'ausilio di mascherature, sono le profilature dorate intorno alle vetrature di canopy e parabrezza.

Una volta mascherato con un pennello sottile dal set pennelli del cinese ed un gold Citadel ho ripassato questi profilini per poi rifinire qualche sbordatura col nero. Finita la pitturazione ho lavato con del marrone Citadel i soli pannellini con le griglie sul dorso in fusoliera e poi ho dato una pesante mano di trasparente superlucido Kcolors XW 100 in modo che il modello fosse lucido come il velivolo reale. Sul pannello antiriflesso invece Superopaco zero riflesso Kcolors XW 1. 

Ho provato a riprodurre un piccolo divertissemant notato in una foto, era venuta carina la bambolina ma era un pò grande per l'esiguo spazio sopra al cruscotto per cui poi non l'ho messa.

Una volta tolte le mascherature e separato il tettuccio ho provveduto ad ultimare i due seggiolini ed installarli nella vasca abitacolo poi ho realizzato i 6 specchietti retrovisorio ed i 2 tubicini dei fumi da inserire nella parte alta del cono di scarico, con la scusa li ho fatti anche per il 339 PAN che non li aveva.

Montati gli specchietti, le lucine, pitot anteriori, antennine varie sopra e sotto il mio piccolo purosangue arabo è pronto per la sua prima uscita a solo un giorno dalla sua ultimazione alla mostra di Taranto dove è stato premiato, con mio piccolo orgoglio.

Gli aerei di pattuglia mi piacciono, ma vero è che questo Al Fursan mi piace maggiormente, vuoi perchè spesso sono di casa qui in Salento e qualche volta me li sono visti anche passare sopra casa e poi perche sono i figliocci delle nostre Frecce Tricolori di cui hanno cercato di acquisire lo spirito, l'anima, le macchine e l'addestramento che in pochi anni li ha fatti diventare una delle più conosciute pattuglie mondiali.

Buon Modellismo

Stampa