Fu la prima Stratos e non vinse subito, vediamo come realizzare la Stratos Marlboro Prototipo

Abituati a vederla nella livrea tricolore della compagnia di Bandiera non tutti sanno che la prima Lancia Stratos a correre nei Rally fu nella livrea rossa e bianca di un noto marchio tabaccaio. Gustiamoci come Giuseppe Lorusso ha realizzato partendo dal kit Hasegawa il modello della Lancia Stratos Gr 5 Prototipo Marlboro.

Testo e foto di Giuseppe Lorusso

Lancia Stratos. Il suo destino nel nome. Essere più in alto di tutte. Siamo qui a parlare della mitica Lancia forse quella più iconica per via della sua concezione altamente specialistica, la prima anche in questo.

Il modello.

La Stratos é stata riprodotta in scatola di montaggio da diverse aziende negli anni 70 ed 80 ma Hasegawa tra il 2000 e il 2004 ha sfornato una lunga serie di kit tra cui la versione HF Stradale dicendo la sua in modo definitivo. Non staró qui a parlavi dei kit hasegawa ormai noti in tutti i loro pregi e difetti bensì della versione della Lancia Stratos ottenibile con il Traskit in resina realizzato da un gruppo di modellisti del nord in tiratura limitata che si fregia della basetta autografata dal campione Sandro Munari.

La versione é la Stratos Gr5 detta "proto" da prototipo.

Perché la "proto "? Ma la Stratos non correva nel Gr4 ?

Facciamo un po di chiarezza:

Quando Lancia decise di correre con la Stratos nel mondiale rally Gr4 le vetture partecipanti per regolamento erano vetture di derivazione dalla serie e dovevano avere un numero minimo di esemplari prodotti pari a 500. Essendo la Stratos non prodotta in catena di montaggio per accelerare i tempi di collaudato e sviluppo usarono un falla nel regolamento permettendo a Lancia di schierare le vetture nella categoria Gr5. L' anno del debutto é il 1972 ed all' epoca lo sponsor Lancia era ancora la Marlboro quindi le vetture fecero sfoggio di una delle più belle livrea per la Stratos . Rosso fuoco.

Nel 1972 la Stratos partecipò a due gare : Tour de Corse e Rally Costa del Sol. Con il tk é possibile realizzare a scelta tra le due versioni . Per la cronaca la Stratos al suo debutto fu sempre costretta al ritiro . Tutta esperienza per gli anni successivi.

Costruzione

Premesso che per realizzate un modello come questo occorre avere una buona documentazione fotografica (non solo per il foglio posa decal presente nel kit che presenta qualche omissione) che purtroppo per il modello scarseggia (5 foto) e non tutte utili. Le istruzioni purtroppo sono utili relativamente. Spesso mancano passaggi ed in alcuni punti forzano il modellista ad alcune scelte che cozzano con il realismo finale. (probabilmente dovuto alla giovinezza del prodotto che ho acquistato e sicuramente migliorato in seguito).

Il tk come tutti i tk vanno attentamente verificati e rifiniti. Il prodotto in mio possesso é ricchissimo di pezzi , la meccanica é interamente riprodotta , anche se la carrozzerie é in un solo pezzo quindi il motore non è a vista, abbiamo anche le fotoincisioni e foglio decal specifico.

Del kit hasegawa va usato il fondino ed componenti degli assi ruote i sedili e la plancia.

Per quanto riguarda la qualità questa non è male in generale   il più grosso problema mi é venuto dalla carrozzeria la quale presentava molte bolle nella parte inferiore. Non è stato un problema risolvere rifinire il tutto con stucco bicomponente.

Il lavori

Il premontaggio mi ha impegnato per un mese circa nel quale ho corretto l'assetto della vettura necessario per far calzare i cerchi ruota posteriori che sono molto più larghi della versione prodotte da hasegawa. In questo caso la correzione é stata fatta spostando gli attacchi degli ammortizzatori più all' interno.

Ho rimosso il radiatore in resina stampato in blocco con la carrozzeria . In questo modo ho fatto spazio al radiatore in plastica del kit giapponese dopo aver fatto le necessarie modiche.

Essendo il kit un curbside ho deciso di non inserire la meccanica. Ho eseguito una copia in bassa definizione per consentire il posizionamento corretto degli scarichi che hanno subito un leggero upgrade realizzando le molle ed i supporti ex novo .

Un grosso problema da risolvere invece l' ha rappresentato il parabrezza. Nel tk non viene fornito   e quello del kit hasegawa é modellato per essere montato dall'interno . Inizialmente ho provato ad adattare il parabrezza hasegawa ma l' effetto finale non mi piaceva, cosi né ho fatto uno nuovo in acetato corredato di vetri laterali che sulla Gr 5 avevano la direzione di discesa analoga ad una vettura tradizionale .

Per rendere gli interni della Stratos coerenti con la versione presentata ho scartato la plancia fornita (di una Gr 4 non dei primi tipi) ed ho modificato quella del kit aggiungendo il cronometro e modificando le bocchette di aerazione.

Spero vi piaccia...

Giuseppe Lorusso by modellismostatico.com

  

Print